Ciliberti: "Glottodidattica. Per una cultura dell’insegnamento linguistico"

Ciliberti: "Glottodidattica. Per una cultura dell’insegnamento linguistico"

Segnaliamo la recente pubblicazione del volume “Glottodidattica. Per una cultura dell'insegnamento linguistico”, scritto dalla prof.ssa Anna Ciliberti. Il volume, edito dalla Carocci di Roma, si articola in tredici capitoli (come da indice riportato in fondo) che affrontano i diversi aspetti, teorici e pratici, legati alla disciplina.

[Quarta di copertina] L’intensificarsi delle relazioni interetniche e interculturali a causa dei massicci flussi migratori verso paesi economicamente avvantaggiati e i cambiamenti dovuti all’enorme sviluppo dei nuovi media integrati e delle tecnologie didattiche hanno determinato nuove richieste anche nel mondo dell’istruzione. Nel campo specifico della didattica linguistica, tali cambiamenti, da un lato, fanno da sfondo a una crescente culturalizzazione dell’insegnamento linguistico, dall’altro, inducono a tener conto delle nuove forme di pensiero, di comunicazione, di apprendimento/insegnamento, prodotte dall’uso sempre più massiccio dei nuovi media nelle società moderne, che attribuiscono a insegnanti e discenti un ruolo assai diverso da quello tradizionale. Il volume fornisce una visione a tutto tondo dei cambiamenti sopravvenuti nella didattica dell’insegnamento di L2 negli ultimi due decenni e indica le competenze, sia teoriche che operative e sperimentali, ritenute oggi fondamentali per la formazione di base dell’insegnante di una L2.

INDICE

Prima parte: Conoscenze teoriche

CAPITOLO 1L’apprendimento di una lingua

1.1 Il processo di apprendimento della lingua materna

1.1.1 L’input modificato degli adulti quando comunicano con il bambino

1.2 Il processo di apprendimento di una L2

1.2.1 L’input modificato del N quando comunica con  un NN

1.3 Rapporto tra l’apprendimento della L1 e di una L2

1.3.1 Aspetti di similarità tra l’apprendimento della L1 e di una L2

1.3.2 Aspetti di differenziazione tra l’apprendimento della L1 e di una L2

1.4 Conclusioni: implicazioni didattiche

CAPITOLO 2: Ipotesi teoriche relative all’apprendimento di una L2

2.1 Ipotesi teoriche in prospettiva psicologica e/o linguistica

2.1.1 La teoria comportamentista e l’analisi contrastiva

2.1.2 L’ipotesi innatista del ‘Language Acquisition Device’

2.1.3 L’ipotesi dell’interlingua e la concezione dell’errore

2.1.4 L’ipotesi dell’identità

2.1.5 La teoria del monitor

2.2 Ipotesi relative all’ordine di acquisizione dell’interlingua

2.1. L’evoluzione dell’interlingua

2.2 Il Modello multidimensionale e la Teoria della Processabilità

2.3 Ipotesi teoriche in prospettiva sociale e culturale

2.3.1 L’ipotesi interazionista

2.3.2 Un ‘ipotesi ambientalista: L’ipotesi dell’acculturazione

2.3.3 L’ipotesi socio-culturale e costruttivista

CAPITOLO 3. La descrizione di una lingua

3.1 Descrizione della lingua come insieme di tipi e livelli di significato

3.1.1 Significato referenziale

3.1.2 Significato pragmatico

3.1.3 Significato discorsivo

3.2 Dalla frase all’enunciato all’evento linguistico

3.2.1 Studio della lingua in quanto oggetto formale

3.2.2 Studio della lingua in quanto uso: la competenza comunicativa

3. 3 La pragmatica

3.3.1 La pragmatica come livello di significato all’interno del sistema formale: la teoria degli atti linguistici

3.3.2 La pragmatica interazionale

3.4. Modelli di analisi del discorso: “Analisi della conversazione”  e “Analisi critica del discorso”

3.4.1 Prospettive analitiche dei due modelli

3.4.2 Rilevanza pedagogica dei modelli di Analisi della conversazione e di Analisi critica del discorso

CAPITOLO 4: La descrizione dei processi comunicativi

4.1. La comunicazione linguistica

4.2. La nozione di contesto

4.3. Le abilità linguistiche ‘primarie’

4.3.1 Processi produttivi: parlare e scrivere

4.3.2 Processi ricettivi: ascoltare e leggere

4.4. Le abilità linguistiche integrate

4.4.1 Il linguaggio dei ‘nuovi media’: tra scritto e parlato?

CAPITOLO 5: La pedagogia linguistica

5.1 Come guardare ai cambiamenti nella didattica linguistica

5.2 Come, e perché, cambiano gli approcci metodologici

5.3 Motivi esterni di cambiamento

5.4 Motivi interni di cambiamento: tappe nella didattica linguistica europea del dopoguerra

5.4.1 Prima tappa: le lingue ‘fondamentali’

5.4.2 Seconda tappa: gli approcci comunicativi

5.4.3 Terza tappa: individualizzazione dell’insegnamento

5.5. Tendenze nella glottodidattica a partire dagli anni ’90 del secolo scorso

5.5.1 Sviluppo della ‘competenza di azione’ tramite l’adozione di una ‘didattica ecologica’

5.5.2 Importanza accordata alla psicologia

5.5.3 La pedagogia non direttiva

5.5.4 Centralità del discente

5.6. Problematiche centrali al dibattito glottodidattico attuale

5.6.1 L’educazione plurilingue da raggiungere tramite percorsi formativi paralleli

5.6.2 La pedagogia interculturale e lo sviluppo della ‘competenza comunicativa interculturale’

CAPITOLO 6: Il nesso lingua-cultura: Dalla ‘competenza linguistica’ alla ‘competenza comunicativa interculturale’

6.1 Le nozioni di ‘cultura’ e di ‘civiltà’

6.2 Insegnamento tradizionale della cultura2: offerta di informazioni culturali e/o immersione  completa nel paese straniero

6.3 Insegnamento della cultura intesa come ‘processo’

6.4 La prospettiva interazionista: la ‘competenza comunicativa (o ‘sociolinguistica’)

6.5 Il nesso lingua-cultura e le sue componenti

6.5.1. Le dimensioni socio-linguistica e socio-culturale della lingua

6.6 L’educazione interculturale come area educativa

6.7Dimensioni della ‘competenza comunicativa interculturale’ e loro sviluppo

6.6.1 Sviluppo di ‘consapevolezza culturale critica’

CAPITOLO 7: Educazione ai ‘nuovi media’

7.1 Caratteristiche della ‘Comunicazione Mediata dal Computer (CMC)

7.2 Risorse didattiche tradizionali e ‘nuovi media’

7.2.1 I pericoli delle nuove tecnologie

7.3 Modalità di apprendimento e tecnologie informatiche

7.3.1 Costruzione di ‘nuovi saperi’

7.4. Usi della telematica

7.4.1 Usi generici della telematica

7.4.2 Usi educativi della telematica

7.5 L’apprendimento cooperativo

7.5.1 Ruolo dell’insegnante nell’apprendimento cooperativo

7.6 Conoscenze ed abilità richieste all’insegnante-facilitatore

7.6.1 Conoscenze e competenze di carattere strumentale

7.6.2 Conoscenze e competenze di tipo pedagogico-didattico e psicologico-relazionale

7.7 Sviluppo e verifica della ‘competenza digitale’

Parte seconda: capacità operative

CAPITOLO 8: l’ORGANIZZAZIONE DI UN CORSO DI LINGUA2

8.1 Il curricolo

8.2 Il sillabo

8.2.1 Il sillabo formale

8.2.2 il sillabo funzionale

8.2.3 I sillabi processuali

8.3 Dal sillabo linguistico all’impianto curricolare complessivo: didattica per  competenze

8.3.1 Le ‘competenze chiave’

4. Curricoli centrati sull’apprendente

8.4.1 Aspetti metodologici del curricolo centrato sul discente

8.4.2 Aspetti valutativi del curricolo centrato sul discente

CAPITOLO 9: L’analisi dei bisogni dei discenti

9.1 L’analisi dei bisogni in quanto area di ricerca sociologica e linguistica

9.1.1 Definizione statica e deterministica dei ‘bisogni comunicativi’

9.1.2 Concetto di ‘bisogno’ come auto-definizione degli apprendenti stessi

9.2 L’analisi dei bisogni come strumento pedagogico

9.3 Strumenti per l’analisi

9.3.1. Strumenti per il livello globale di analisi

9.4 Conclusioni

CAPITOLO 10: Le attività esercitative e la gestione della classe

10.1 Tipi di ‘interazione’ nella classe di lingua: il ‘cosa’ e il ‘come’

10.2 Dall’esercitare al conversare

10.2.1 Gli esercizi meccanici (drills)

10.3 Dagli esercizi ai compiti (task)

10.4 Dai ‘compiti’ ai ‘progetti’

10.4.1 Progetto come connessione e commistione di compiti

10.4.2 Progetto come forma di ‘didattica attiva’

10.4.3 Che cosa impara l’apprendente da una ‘didattica per progetti’

10.5 L’organizzazione e la gestione della classe: dalla lezione frontale alle attività collaborative

CAPITOLO 11: Il controllo e il ‘lavoro di riparazione’

11.1 La correzione degli errori

11.2 Il ‘lavoro di riparazione’

11.3 Tipi di ‘lavoro di riparazione’

11.3.1 L’autoriparazione

11.3.2 Forme di controllo e monitoraggio

11.4. Il ‘lavoro di riparazione’ in scambi N/NN

11.4.1 Il ’lavoro di riparazione’ iniziato dal parlante NN

11.4.2 Il ‘lavoro di riparazione’ iniziato dal parlante N

11.5. Caratteristiche delle strategie di riparazione adottate dal parlante N

11.5.1 La riparazione non é immediata

11.5.2 La riparazione é selettiva

11.5.3 La riparazione mira non far perdere la faccia all’interlocutore

11.6. Il lavoro di riparazione in classe

11.6.1 Eccesso di riparazione e valutazione degli errori

11.6.2 Correzione indifferenziata

11.6.3 Rapporto tra correzione e controllo dell’insegnante

11.7 Quali Strategie di correzione adottare in classe?

11.8 Conclusioni: verso l’auto-controllo e l’auto-valutazione

11.8.1 Scoperta e classificazione di errori e devianze

11.8.2 Auto-monitoraggio e valutazione della propria produzione

CAPITOLO 12: La verifica formale e la valutazione dell’apprendimento

12.1 Il testing

12.1.1 Test ‘fattoriali’

12.1.2 Test integrati

12.1.3 Test pragmatici

12.2. Valutazione della competenza comunicativa

12.2.1 Valutazione delle sottocompetenze comunicative

12.2.2 Valutazione della capacità di agire oralmente in L2

12.3 Prove di verifica di singole abilità

12.3.1 Prove di verifica dell’abilità di comprensione orale e scritta

12.4 Sviluppo della consapevolezza del ruolo di apprendente

12.4.1 L’auto-valutazione

12.4.2 Prove di valutazione a conclusione di un corso incentrato sull’educazione all’autonomia

12.5. Conclusioni

Parte terza: consapevolezza metodologico-didattica

CAPITOLO 13: La ricerca in classe

13.1 La teoria e la prassi

13.2 La Handlungsforschung

13.3 La ricercazione nella scuola

13.4 Aspetti qualificanti della ricercazione

13.4.1 Rilievo accordato a ciò che é particolare e contingente

13.4.2 L’osservazione critica della classe: prospettive e funzioni

13.4.3 Adozione di strumenti di indagine di tipo etnografico

13.5. Fasi della ricercazione

13.5.1 La scelta del fenomeno da investigare

13.5.2 Le fasi di riflessione e di cambiamento

13.6 Sviluppo di conoscenze e competenze tramite la ricercazione

13.7 Conclusioni