Si è spento il 18 luglio a Roma, dopo un’improvvisa malattia, Francesco Straniero Sergio, docente di slavistica presso l’Università di Trieste e membro di questa associazione. Francesco era noto in Italia e all’estero per i suoi studi pionieristici sull’interazione mediata da interprete. Nel suo lavoro e nella sua vita è stato appassionato sostenitore della ricerca come spazio di innovazione culturale e sociale e i suoi studi hanno costituito una svolta teorica nell’approccio alla traduzione nell’interazione bilingue. Era una persona dolce, un amico sincero e affettuoso, una presenza sensibile, un riferimento costante. L'AItLA lo ricorda con affetto e stima ed è vicina nel dolore e nel ricordo ai suoi cari e ai suoi amici.